Le cave

cave
Le cave sono luoghi dove da secoli avviene l’estrazione del marmo e possono essere di due tipi: chiuse o a cielo aperto.
Per il modo con il quale viene prelevato il marmo, la profondità di prospettiva delle pareti bianche, gli ampi spazi, la precisione simmetrica dei gradoni, i piani di lavorazione sembrano gradinate di anfiteatri.
Il bacino di Colonnata costituisce la parte orientale della regione marmifera carrarese e conta una settantina di cave, di cui 44 attive su una superficie complessiva di 500 ettari
Per raggiungerlo è necessario seguire la strada che risale la valle del torrente Carrione, sede di numerose segherie per la lavorazione del marmo, fino a raggiungere il paese di Bedizzano, proseguendo poi in località La Piana, luogo in cui si può ammirare una profonda cava (la n.° 175) da una soprastante terrazzina panoramica; sempre in questa zona, dall'altra parte della valle, è ancora visibile l'antico tracciato della Ferrovia Marmifera proveniente dal bacino di Miseglia e ben riconoscibile dall'ingresso di una delle tante gallerie che attraversava.
Procedendo oltre, la strada arriva in località Calagio sede di una grande cava a fossa dove sono state rinvenute tracce di escavazione romana, ora purtroppo scomparse.
Sempre in località Calagio, sulla sinistra, partono alcune strade di arroccamento verso le cave in attività tra cui il complesso estrattivo di Fossacava, sicuramente il più ricco di testimonianze archeologiche tra le cave lunensi fino ad ora conosciute, tra cui una statuina raffigurante Artemide che si trova oggi al Museo Archeologico di Firenze.
La cava, datata intorno alla prima metà del I sec.a.C., produceva marmo Bardiglio Nuvolato, a suo tempo chiamato da Stradone "azzurro variegato".
Tornando in località Calagio inizia la strada asfaltata che conduce alla zona delle cave del bacino di Gioia ( la n.° 173), una delle più grandi di tutto il comprensorio carrarese, perché la sua posizione geografica ne ha consentito una estesa coltivazione su più gradini; qui si trovano soprattutto tre tipi di marmo: il venato, l'arabescato e il bardiglio.

http://www.lardodicolonnata.org/lastoria.html

Loading...
Loading...

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca sull informativa. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se necessario consultare la politica sulla privacy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information